Farm4Trade-Management-systems-for-livestock-farming
folder_openAllevamento, Produzione, Zootecnia

Sistemi di gestione per l’allevamento del bestiame

Estimated reading time: 4 minute(s)

L’agricoltura viene praticata da migliaia di anni. Molte società hanno sviluppato diversi sistemi di gestione per adattarsi meglio alle diverse esigenze e condizioni ambientali e climatiche.

Stiamo allevando gli animali nel modo giusto?

Sentiamo ogni giorno nei notiziari che la produzione sta affrontando gravi problemi e che la sicurezza alimentare è garantita a tutti. Grandi, a volte immateriali, fattori esterni come i cambiamenti climatici, l’instabilità politica, le guerre hanno tutti un ruolo, ma l’inesperienza e la mancanza di conoscenza influenzano anche il lavoro degli agricoltori.

Come possiamo limitare i danni e aumentare la produzione agricola?

Comprendere i diversi sistemi di gestione del bestiame è il primo passo per sviluppare una buona strategia. I sistemi di gestione hanno un impatto diretto sulla produzione e sulle malattie, questo evidenzia la loro rilevanza.

Secondo la FAO sono tre i principali sistemi di gestione del bestiame:

  1. produzione mista
  2. sistemi di allevamento intensivo “senza terra”
  3. sistema di produzione estensivo

Produzione mista

Comprende sia l’agricoltura che il bestiame e può essere intensiva o estensiva. Questi sistemi sono utilizzati per lo sfruttamento di terreni irrigati o non irrigati e sono comuni in alcune parti dell’America, dell’Europa e dell’Asia.

Agricoltura intensiva

È utilizzata principalmente per il bestiame. Gli allevamenti intensivi sembrano più simili a fabbriche e sono principalmente utilizzati per allevare suini, polli, galline ovaiole, bovini e persino pesci. Queste fattorie “senza terra” sono comuni in Nord America, Europa e Asia e in aree densamente popolate in generale, dove la domanda di carne e proteine ​​è molto alta.

Coltivazione estensiva

Viene utilizzata su grandi terreni non coltivati ​​in cui gli animali possono pascolare liberamente. L’agricoltura estensiva è principalmente scelta per il bestiame, per produrre carne e latte, pecore e capre. È più comune in America centrale e meridionale (Messico, Argentina, Brasile e Perù), in alcuni paesi dell’Africa meridionale (Sudafrica, Namibia e Botswana), in Australia, ma anche in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu