Farm4Trade-Seed-dispersal-how-cattle-contribute-to-shape-an-ecosystem
folder_openAllevamento, Zootecnia

Dispersione dei semi: in che modo i bovini contribuiscono a modellare un ecosistema

Estimated reading time: 7 minute(s)

La dispersione dei semi è lo spostamento dei semi da una posizione all’altra. La dispersione dei semi è importante per le piante perché offre l’opportunità di una crescita sparsa o dispersa, un alto tasso di germinazione, meno intracompetenza, promuove la diversità genetica e riduce il tasso di estinzione.

La maggior parte degli ecosistemi è ricca di vegetazione perché gli animali tendono a disperdere e germinare i loro semi. 

I bovini figurano tra quei pochi animali che contribuiscono alla crescita delle piante di cui si nutrono in un pascolo naturale. 

Oltre allo sterco che è molto utile per la germinazione e la crescita delle piante, il bestiame contribuisce all’esistenza delle piante anche attraverso la dispersione dei loro semi. Il bestiame gioca un ruolo cruciale nella struttura e nella funzione degli ecosistemi, disperdendo i semi in tutti gli angoli del paesaggio, disperdendo ogni sorta di semi di piante che foraggiano.

Due sono i modi più comuni con cui il bestiame disperde i semi:

  1. Dispersione attraverso lo sterco

Il bestiame disperde i semi degli alberi attraverso i depositi di sterco, ciò si verifica principalmente negli alberi con gusci di semi duri o che richiedono trattamenti di dormienza dei semi, per lo più hanno grandi rivestimenti esterni protettivi e legnosi. Questo processo di dispersione attraverso l’intestino viene anche chiamato dispersione endozoocoriale o endozoocorosa (D’hondt & Hoffmann 2011).

I baccelli e una parte dei semi vengono consumati dagli erbivori e formano una parte importante della loro dieta (Gwynne, 1969). I semi per lo più passano intatti attraverso l’intestino del bestiame, i succhi gastrici ammorbidiscono il guscio e questo facilita l’assorbimento di acqua durante la germinazione (Tran & Cavanagh, 1984). Questo processo migliora anche i microclimi di germinazione favorevoli per i semi, prima che vengano depositati come sterco. 

Al contrario, animali come le capre non riescono a disperdere i semi degli alberi attraverso i depositi di sterco, questo perché tendono a divorare l’intero baccello.

  1. Dispersione attraverso pelliccia o pelo

La maggior parte degli animali disperde i semi ogni giorno inconsapevolmente
Ciò accade quando i semi si aggrappano alla pelliccia o al mantello dell’animale. L’erba e le foglie hanno semi che si sono adattati attaccandosi opportunisticamente al corpo dell’animale per avere l’opportunità di spostarsi da una posizione all’altra. Questa modalità di disperdere semi attraverso la è chiamato epizoochory.

I semi di erbe e foglie richiedono solo gocce di pioggia per germogliare e prosperare all’istante, con l’aiuto della dispersione da parte del bestiame, tendono a prosperare con successo.

Conclusione

Un ecosistema è composto da organismi viventi che svolgono ruoli maggiori e minori che disperdono i semi per garantire un sistema funzionale.

 Il bestiame è svolge un ruolo essenziale nel modellare un ecosistema, disperdendo i semi, rompendone la dormienza e creando un terreno fertile per la crescita delle piante.
Riferimenti

Halevy, (1974). Effects of gazelles and seed beetles (Bruchids) on germination and establishment of Acacia species. Israel 1. Bot. 23: 120-126.

Lamprey, H.F., Halevy, G. & Makacha, S. 1974. Interaction between Acacia, Bruchids and Large Herbivores. E. Afr. Wildl.1. 12: 81-85.

D’hondt, B., & Hoffmann, M. (2011). A reassessment of the role of simple seed traits in mortality following herbivore ingestion. Plant Biology, 13, 118-124.

Bradshaw, S. D., Dixon, K. W., Hopper, S. D., Lambers, H., & Turner, S. R. (2011). Little evidence for fire-adapted plant traits in Mediterranean climate regions. Trends in plant science16(2), 69-76.

Gwynne, M. D. (1969). The nutritive values of Acacia pods in relation to Acacia seed distribution by ungulates. East African Wildlife Journal, 7, 176-178.

Tran, V. N., & Cavanagh, A. K. (1984). Structural aspects of dormancy. In Germination and reserve mobilization (pp. 1-44). Academic Press.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu