Human-wildlife conflict mitigation methods
folder_openAmbiente e clima, Animali selvatici

Metodi per alleviare il conflitto tra uomo e fauna selvatica

Estimated reading time: 8 minute(s)

Il conflitto tra uomo e fauna selvatica (Human-wildlife conflict – HWC), si presenta quando gli animali costituiscono una minaccia ricorrente alla sicurezza e alla serenità degli esseri umani. Condizione che spesso porta alla persecuzione delle specie animali che rappresentano questa minaccia.

Le specie che storicamente sono state al centro del conflitto tra uomo e fauna selvatica nel continente africano sono: elefanti, rinoceronti, leoni, coccodrilli e serpenti. Le ritorsioni da parte delle comunità colpite sono molto dure e provocano grossi danni, perchè questi animali tendono ad essere aggressivi.

Per questo motivo, le riserve naturali rappresentano una protezione verso le specie selvatiche per limitarne l’esposizione e la perdita. 

La graduale invasione delle aree selvatiche da parte degli uomini, sia per creare nuovi insediamenti che per utilizzare la terra per nuove coltivazioni, ha provocato uno squilibrio nella natura selvaggia, principalmente perché la fauna viene confinata a piccole aree di caccia, e nella maggior parte dei casi in zone dove i pascoli sono poveri e devono spostarsi continuamente in cerca di cibo e acqua. 

Il conflitto tra uomo e fauna selvatica può portare le comunità locali a diventare ostile verso gli animali selvaggi, con tendenza a cacciarli e ucciderli e meno aderenza alle strategie di conservazione, aumentando ulteriormente il conflitto. 

Facciamo un esempio pratico. Le comunità rurali di sussistenza posizionano trappole sui terreni per minimizzare i danni provocati dagli elefanti. Tradizionalmente, vengono anche fatti grandi falò e si suonano i tamburi per allontanare gli elefanti. Ma nonostante questo, gli elefanti maschi non si scoraggiano, sono difficili da allontanare e tendono ad attaccare se si sentono minacciati. Quindi il conflitto tra gli uomini e gli elefanti rimane acceso. 

Oppure, i grandi felini come i leoni sono spesso al centro di conflitti perché hanno territori di caccia molto estesi. Questi territori spesso includono villaggi, pascoli e aree abitate: è facile comprendere come ciò rappresenti una minaccia per le comunità che vivono in quelle zone.

Come si può affrontare il conflitto tra uomo e fauna selvatica?

  1. Istituire riserve per la conservazione
    Aiuta a combattere il conflitto tra uomo e animali selvatici, confinando gli animali in queste aree. In più, le popolazioni che vivono nei territori confinanti con le aree protette devono riportare alle autorità dei parchi eventuali minacce o episodi. In questo modo sia gli uomini che gli animali selvatici sono protetti.  
  2. Istruzione e sensibilizzazione
    Disseminare informazioni è fondamentale per la preservazione delle specie selvatiche, tramite tutti gli strumenti e i mezzi di comunicazione a disposizione. 
  3. Politiche regolatorie e di controllo da parte delle istituzioni
    Con l’avvento della tecnologia sono state introdotte tecniche avanzate di controllo dei movimenti degli animali da remoto, ad esempio gli elefanti sono stati dotati di un collare, così che quando si avvicinano alle abitazioni, i rangers possono facilmente accorgersi della loro presenza e allontanarli. Questo porta sicuramente a una riduzione del conflitto tra uomini ed elefanti.
    Un’altra tecnica che viene correntemente utilizzata per tenere sotto controllo le nascite è l’immuno-contraccezione. Di solito vengono sparate siringhe medicinali su una mandria a distanza, utilizzando un elicottero, riducendo così il contatto con gli animali selvatici. Questa tecnica aiuta a ridurre la crescita esponenziale delle popolazioni di mammiferi in determinate aree, permettendo una convivenza meno problematica tra uomini e animali selvatici. 

Il compito delle istituzioni è determinare i modi in cui devono essere gestiti gli animali selvatici che rappresentano una minaccia per gli uomini, alcuni dei quali sono: 

  • Allontanamento e scoraggiamento
  • Spostamento in un’altra area
  • Estirpazione e uccisione

Cosa succede se il conflitto tra uomo e fauna selvatica non viene gestito?

  • Si verificano significative perdite in fauna selvatica
  • Lenta ed inesorabile estinzione delle specie a rischio
  • Diminuisce la rendita dei campi che vengono danneggiati
  • Gli uomini sono a rischio di essere attaccati con esiti anche fatali

In conclusione, le comunità che vivono vicino alle riserve o nelle prossimità, sono le prime a lavorare braccio a braccio con le autorità per aiutare a gestire il conflitto tra uomini e animali selvatici. 

Riferimenti

What is Human Wildlife Conflict & How is it Managed | HWCTF 

https://africanwildlifeconservationfund.org/human-wildlife-conflict/

Human-Wildlife Conflict 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu