Farm4Trade Blog - Is coronavirus a threat for livestock animals?
folder_openNews, Salute animale

Il Coronavirus è una minaccia per gli animali da allevamento?

Estimated reading time: 8 minute(s)

Cos’è il Coronavirus?

Il Coronavirus ha provocato un’ondata di allerta nel mondo, data la sua rapida diffusione in quasi tutti i continenti.

La malattia da coronavirus (Covid-19) appartiene a una famiglia di virus che comunemente contiene ceppi che possono portare a esiti letali per i mammiferi e gli uccelli

Gli uomini e le altre specie animali possono essere contagiati dal Coronavirus e come si diffonde?

Risponderemo a questa domanda dopo aver analizzato tutta una serie di casi riportati nel mondo prima dell’attuale emergenza. In seguito approfondiremo un caso studio sul COVID-19 in rapida evoluzione. 


Il Coronavirus negli uomini solitamente si diffonde per via aerea, attraverso gocce di saliva e stretto contatto con un individuo infetto.
In passato abbiamo assistito alla diffusione di diversi ceppi di Coronavirus. 

Origine animale del Coronavirus

Il Coronavirus è stato segnalato all’inizio degli anni ‘60 del secolo scorso e il suo nome deriva dalla tipica forma a “corona” o “spike” della struttura proteica.

I ricercatori ipotizzano che i pangolini siano la fonte di Coronavirus nella recente epidemia, nonostante essi siano tra gli animali meno presenti nella maggior parte dei Paesi. Inoltre, si ritiene che i dromedari siano riserve vitali per il Coronavirus

Famiglie di Coronavirus e specie animali interessate

Gli studi hanno mostrato che le famiglie di Alpha coronavirus e il Beta coronavirus potrebbero infettare i mammiferi come i pipistrelli, i maiali e i gatti.  La famiglia di Gamma coronavirus può infettare il pollame e infine il Delta coronavirus può arrivare sia il pollame che molte specie di mammiferi.

Informazioni sull’epidemia di Coronavirus in corso 

I ceppi più noti di Coronavirus hanno una significativa mortalità per gli uomini:

  • La sindrome respiratoria acuta grave da Coronavirus (Severe acute respiratory syndrome – SARS), può essere assimilata a una grave influenza.
  • La sindrome respiratoria del mediorientale da Coronavirus (Middle East respiratory syndrome MERS), si presenta spesso con febbre, tosse e insufficienza respiratoria.

Percezione pubblica del Coronavirus

  • Il Coronavirus può essere trasmesso dagli animali domestici agli uomini?
  • Si può diffondere attraverso il consumo di carne di questi animali?
  • Che mortalità ha?

Potete trovare tutte le risposte e le informazioni ufficiali, fornite dall’Organizzazione Mondiale della Salute – World Health Organization qui.

Misure di contenimento messe in atto dai diversi governi

  • Informazione  e sensibilizzazione per preparare la nazione all’eventualità di un’epidemia. Facilitare l’intervento per contrastare il virus in zone che fossero colpite.
  • Monitoraggio continuo del Coronavirus, per evitare la diffusione in particolare tra le fasce della popolazione più anziane e tra persone con problemi di salute pregressi. 
  • Avanzamento della ricerca su vari ceppi del Coronavirus che potrebbero intralciare la produzione agricola e di conseguenza avere un impatto sulla crescita economica. 
  • Ridurre al minimo il consumo di cibi crudi come carne, uova e latte. Al momento non sono noti casi di ceppi di Coronavirus Sars e Mers che si diffondono attraverso il consumo di cibi. Ad ogni modo, alla collettività è consigliato di cuocere completamente i cibi, dal momento che deve essere approfondita la ricerca su un’eventuale correlazione tra il consumo di carne e la diffusione del Coronavirus. 

Sintomi del Coronavirus noti negli animali domestici

  • Diarrea in maiali e tacchini
  • Problemi respiratori

In conclusione, si ritiene che l’attuale Coronavirus si sia originato dai pipistrelli e trasmesso agli uomini, per questo motivo è fondamentale creare consapevolezza, sia in presenza della malattia che non. La soglia di attenzione sul Coronavirus è molto alta a livello globale. 

NOTA: Diciamo no alla stigmatizzazione delle nazioni che presentano focolai di Coronavirus, in particolare sui Social Networks. Dovremmo invece supportare queste nazioni con tutti i mezzi a nostra disposizione. 

Fonti

https://www.sciencealert.com/coronavirus

https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports/

https://www.nature.com/articles/d41586-020-00364-2

https://www.livescience.com/new-china-coronavirus-faq.html

https://www.businessinsider.com/wuhan-coronavirus-sars-bats-animals-to-humans-2020-1

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu