Livestock identification through ear tags and alternative methods
folder_openProduzione, Ricerca e sviluppo, Zootecnia

Identificazione del bestiame con i marchi auricolari e metodi alternativi

Estimated reading time: 12 minute(s)

L’identificazione del bestiame è fondamentale per la tracciabilità ed è direttamente collegata a temi di salute pubblica e preservazione del bestiame.

La carne, il latte e le filiere produttive dei prodotti derivati sono fortemente collegate alla tracciabilità delle materie prime: l’identificazione e il tracciamento rappresentano il requisito basilare per ogni operazione commerciale, dal momento che gli animali passano solitamente l’intera vita in un unico posto e vengono trasferiti o spostati soltanto quando vengono venduti o mandati al macello.

Questi due eventi si verificano in luoghi distanti da quello d’origine degli animali, per cui la mancanza di informazioni a portata di mano sulla storia e sullo stato di salute dell’animale possono rappresentare una seria minaccia per la sicurezza alimentare. Per questo motivo non è possibile spostare gli animali senza gli adeguati controlli, e ancora più importante, senza essere in grado di risalire alla provenienza e ai dati sull’animale sin dalla sua nascita.

In questo scenario è chiaro come le nuove tecnologie possano essere molto utili per contenere la diffusione di malattie e per ridurre i rischi di contaminazione che rappresentano una forte minaccia per la sicurezza alimentare.

Per favorire l’instaurarsi di un processo virtuoso, che inizi alla fonte nella gestione delle aziende agricole, è altamente consigliato che ogni animale della fattoria sia correttamente identificato.

Questo consente agli allevatori di tenere traccia delle mandrie e di ogni singolo animale per tutta la durata della loro vita e tenere registri curati su ogni aspetto, dalle pesate alla produzione di latte, alle gravidanze e ai parti, ai trattamenti medici, le malattie pregresse e via dicendo.

I vantaggi dell’identificazione animale per gli allevatori

  • L’identificazione degli animali e la conservazione dei dati aiuta gli allevatori a prendere decisioni mirate sulla gestione delle mandrie e a selezionare gli animali che garantiscono le migliori performance.
  • Alla lunga, tutti i dati raccolti e analizzati possono essere utilizzati per aumentare l’efficienza dell’azienda e migliorare i profitti.
  • Gli allevatori possono consolidare e mettere a sistema i risultati della raccolta dati attraverso appositi strumenti digitali per la gestione degli allevamenti.
  • I migliori sistemi presentano sia la possibilità di registrare la storia degli animali lungo la filiera produttiva, dall’allevamento alla tavola, che quella di tracciamento, che consiste nella possibilità di identificare le caratteristiche del prodotto finito attraverso tutti i record che sono stati registrati ad ogni passaggio della filiera. 
  • Tracciabilità, trasparenza e garanzia di qualità sono le basi per assicurare e accreditare un prodotto da allevamento. La tracciabilità come già detto si fonda su un efficiente sistema di identificazione e registro degli spostamenti di ogni capo.
  • L’identificazione degli animali da allevamento è un requisito fondamentale in molti Paesi e lo spostamento di bovini, ovini, suini deve essere registrato dalle aziende e trasmesso a sistemi centralizzati.

I metodi di identificazione animale più utilizzati

Marchi auricolari

In tutto il mondo, che l’identificazione degli animali sia obbligatoria o che sia richiesta soltanto in determinati casi, le autorità competenti di ogni nazione hanno la prerogativa di regolamentare e vigilare sul commercio e sull’idoneità dei sistemi di identificazione, in modo da tener traccia del numero di animali registrati sotto la proprietà di ciascun allevatore.

In seguito all’acquisto regolato dei marchi, ogni allevatore deve occuparsi dell’applicazione sugli animali, procedura che avviene con un apposito macchinario.

Prima di procedere all’applicazione bisogna assicurarsi che:

  • L’applicatore sia in buone condizioni e ben affilato.
  • Le punte devono essere pulite e disinfettate dopo ogni singolo utilizzo.
  • Il marchio deve essere posizionato in modo che non rischi di staccarsi dall’orecchio.

Marchi auricolari elettronici

Conosciuti comunemente come Dispositivi di Identificazione Elettronici, utilizzano la tecnologia senza fili RFID e garantiscono la possibilità di identificare e raccogliere dati in modo puntuale su ogni capo attraverso il microchip contenuto nel marchio, in modo semplice e veloce.

Questi marchi vengono utilizzati soprattutto negli allevamenti lattiero caseari.

Marchi non elettronici

Vengono utilizzati principalmente nelle fattorie medio piccole e a conduzione familiare. Sono di semplice applicazione e spesso vengono differenziati in base al colore per determinare ad occhio la provenienza della mandria o le linee genealogiche. Ogni allevatore può personalizzare il marchio aggiungendo numeri o lettere a suo piacimento.

Prospettive future

Riconoscimento animale tramite intelligenza artificiale

Farm4trade sta sviluppando un sistema di identificazione animale basato sul riconoscimento biometrico, reso possibile dalle tecnologie di Intelligenza Artificiale e Computer Vision, collegate ad algoritmi Deep Learning, che imparano ad identificare gli animali con un’accuratezza mai raggiunta prima.

Questo sistema affiancherà i tradizionali metodi di identificazione e aiuterà a ridurre il rischio di errori e frodi nell’identificazione dell’animale, perché consentirà di distinguere alla perfezione un animale dall’altro. Il nostro sistema faciliterà anche la raccolta dati, rendendola più economica, semplice, veloce e sicura.

L’identificazione e il riconoscimento attraverso computer vision non è completamente priva di errori, ma ha una percentuale di accuratezza molto promettente vicina al 90% e può supportare sicuramente i metodi di identificazione tradizionale.

I marchi auricolari, sia elettronici che non, possono staccarsi ed essere persi, possono andare incontro a malfunzionamenti ed errori. Rendono anche molto difficoltoso il controllo delle frodi, perché possono essere facilmente rimossi o sostituiti, mentre il riconoscimento facciale univoco non presenta queste criticità.

La nostra nuova tecnologia può rivelarsi utile sia in affiancamento ai metodi di identificazione tradizionale che durante le quotidiane pratiche di identificazione in fattoria o durante il trasporto.

Con Snap Animal infatti ogni animale può essere identificato semplicemente inquadrandolo con lo smartphone. Trovi qui maggiori informazioni.

In conclusione, qualsiasi metodo venga scelto per l’identificazione, è importante riuscire ad utilizzarlo per tenere traccia delle performance del bestiame ed essere in grado di prendere decisioni migliori nella gestione dell’azienda.

Riferimenti

https://www.farm4trade.com/ict-phd/
https://en.wikipedia.org/wiki/Ear_tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu