Raising-pigs_a-pig-farming-guide-for-beginners-Farm4Trade
folder_openAllevamento, Salute animale, Zootecnia

Allevamento di suini – guida introduttiva sull’allevamento di maiali

Estimated reading time: 8 minute(s)

INTRODUZIONE

Allevare suini è più difficile che coltivare altre forme di allevamento come il bestiame o le capre a causa del fatto che sono più sensibili al clima e richiedono maggiore attenzione. Ma d’altra parte, se sono adeguatamente curati, una singola scrofa può dare alla luce fino a 12 maialini in un periodo di gestazione di 130 giorni, e sono inoltre già pronti per il mercato molto prima della maggior parte degli altri animali da allevamento.

ALLEVARE SUINI

Ci sono una moltitudine di specie di maiale disponibili in tutto il mondo. Per l’allevamento è meglio utilizzare le razze locali perché si sono già adattate al clima e sono facilmente disponibili.

Se sei agli esordi è meglio iniziare con i maialini: allevarli e poi venderli, fino a che non avrai acquisito esperienza durante il processo oltre a poter sviluppare protocolli di gestione. La tua esperienza di gestione dovrebbe essere sana, dal momento che l’allevamento di bestiame è molto più complicato rispetto all’allevamento dei maiali.

TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO

Di solito i maiali vengono allevati in un granaio / capanna (intensivo) o al pascolo (in libertà).

  • Fienile / capanna (intensivo): per poter allevare suini in modo intensivo, il fienile o la capanna devono essere fatti di un materiale resistente all’umidità e al calore come il cemento, l’area di alimentazione e l’area di riposo devono essere separati per una facile pulizia. Un’area dedicata all’alimentazione di almeno 3 metri di larghezza è perfetta per ogni due maiali. L’area di riposo dovrebbe essere circa la metà della dimensione dell’area di alimentazione e dovrebbe avere una piccola piscina per il bagno. Quindi se consideriamo queste precauzioni saremo in grado di allevare facilmente i maiali.
  • Pascolo (allevato all’aperto): per allevare suini in libertà, per prima cosa è necessario disporre di una vasta area con abbondanza di erba e terreno, e l’area deve essere recintata affinché i maiali non si spingano troppo lontano e siano al sicuro. Gli agricoltori dovrebbero fare attenzione alla struttura della recinzione, perché i maiali adulti possono danneggiare la recinzione e fuggire.

CURA SANITARIA E MALATTIE

I maiali sono animali robusti, ma sono facilmente affetti da stress, causato ad esempio da mancanza di cibo o acqua. Lo stress può ridurre la loro produttività e può portare a perdite.

Una gestione inadeguata può portare malattie all’interno del vostro allevamento. I suini sono suscettibili a diverse malattie come la diarrea, in particolare nei sistemi di allevamento intensivo in cui l’affollamento può essere un problema.

Assicurati di vaccinarli e nutrirli correttamente finché non sono pronti per essere venduti al mercato.

ALIMENTAZIONE E ACQUA

Scegli un buon cibo per i tuoi maiali!

I maiali dovrebbero essere nutriti con circa il 18% di proteine ​​grezze. Gli avanzi e i rifiuti della tavola non sono adatti per nutrirli, sebbene siano onnivori, non è un sentiero saggio da seguire se vogliamo avere suini sani.

I maiali dovrebbero essere nutriti con materiali vegetali come la lattuga, il mais e altre verdure, la carne non è appropriata per nutrirli, poiché aumenterà il loro grasso corporeo e può diminuire la loro crescita e il loro profitto.

I suini devono consumare da 6 a 10 kg di mangime al giorno per poter crescere sani. Inoltre alcuni agricoltori forniscono loro anche delle uova per il contenuto proteico.

Dai ai tuoi maiali abbastanza acqua!

L’acqua è importante ed è molte volte una delle sostanze più nutritive che viene dimenticata. Sarà necessario un grande approvvigionamento di acqua pulita per mantenere le necessità dei maiali, ad esempio un maiale giovane in crescita può bere circa 10 litri di acqua dolce al giorno mentre un maiale adulto può bere da 25 a 50 litri al giorno.

ALCUNI BUONI CONSIGLI

I maiali sono suscettibili alle scottature!

Altri fattori da considerare includono la fornitura di un’ombra sufficiente in un set up gratuito, l’accesso alla paglia o alla segatura per la lettiera.

REFERENZE:

http://www.fao.org/ag/againfo/themes/documents/pigs/Handbook%20on%20Pig%20Production_English%20layout-Vietanm-Draft.pdf

https://www.farmersweekly.co.za/animals/pigs/pig-farming-starting-scratch/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu