Food safety on a small scale for a greater impact on people and environment
folder_openAllevamento, Produzione, Zootecnia

Garantire la sicurezza alimentare su scala locale per un impatto globale su ambiente e società

Estimated reading time: 11 minute(s)

In un momento in cui i mercati alimentari di tutto il mondo sono messi a dura prova per l’approvvigionamento di materie prime, è importante che i piccoli produttori siano in grado di rispondere alle richieste del mercato, per lo più interno, in modo efficiente e conforme a standard di qualità.

Ogni Nazione ha il suo insieme di leggi e regolamenti che riguardano le produzioni alimentari. La garanzia della sicurezza degli alimenti, della loro tracciabilità e della loro adeguatezza al consumo umano sono concetti di fondamentale importanza, che hanno un grande impatto sull’economia dei settori agricolo e zootecnico.

Con sicurezza alimentare ci si riferisce a tutti quegli aspetti che riguardano la lavorazione, la preparazione e lo stoccaggio di prodotti alimentari e le azioni che devono essere attuate perché questi siano sicuri, cioè adatti al consumo e non rappresentino una minaccia alla salute di chi li mangerà.

I prodotti non devono presentare contaminazioni batteriche o chimiche entro determinate soglie, e non devono contenere particelle potenzialmente pericolose, come frammenti di materiali non commestibili. 

Le principali contaminazioni sono comunemente di tipo batterico, come la salmonella, il Campylobacter, la Listeria, etc. Tali contaminazioni vengono rilevate tramite  indagini di laboratorio al fine di poter autorizzare o meno l’immissione in commercio dei prodotti destinati al consumo umano.

Questi processi dovrebbero avvenire in tutti i Paesi del mondo, ma così non è. 

Nei paesi emergenti in cui i governi non sono dotati efficacemente di sistemi di controllo centralizzati, di protocolli per l’adesione agli standard internazionali e di vigilanza su ogni fase della catena produttiva, “sicurezza alimentare” assume un’accezione diversa, che si riferisce al bisogno basilare di accedere a fonti di cibo e sostentamento in modo continuo, con il giusto apporto nutrizionale e che consentano di vivere in salute e serenità. 

In questi Paesi, forse più che in quelli in cui la sicurezza alimentare è intesa come garanzia della salubrità degli alimenti, è necessario introdurre strumenti che permettano ai produttori locali, spesso non organizzati in aziende ma di stampo familiare/di sussistenza, di vigilare essi stessi in prima istanza sulla qualità del cibo che producono.

Un sistema di controllo locale, per un effetto positivo globale.

Alla base dei sistemi alimentari ci sono sicuramente gli agricoltori e gli allevatori che immettono le materie prime nella filiera che comprende diverse fasi di lavorazione.

Per gli allevatori e gli agricoltori tutto deve iniziare dalla raccolta dei dati. 

In tutto il mondo, senza distinzione geografica né economica, è il produttore in prima persona il responsabile per la sua attività, per la sua famiglia e per le persone che consumano i suoi prodotti. 

È lui che, nel momento in cui gli venga richiesto, deve essere in grado di dimostrare l’affidabilità del suo prodotto, con un biglietto da visita destinato al mercato.

Per permettere a tutti gli allevatori di accedere a questa pratica virtuosa, noi di Farm4Trade abbiamo sviluppato una Suite di strumenti che consentono di seguire ogni animale in tutte le fasi della sua vita e in ogni evento che lo coinvolge.

Come già detto, è compito di chi alleva registrare ogni dato, dalla nascita al macello, dai trattamenti sanitari all’alimentazione che ogni animale segue. 

Noi possiamo facilitare le cose con strumenti semplici da usare e che si evolveranno per soddisfare sempre di più l’esigenza di integrazione con altri servizi per automatizzare e centralizzare quanto più possibile la raccolta dei dati.

Oltre all’App per il Farm Management, per il registro dei dati, e al Feed Formula App, per il calcolo delle razioni e la corretta gestione dell’alimentazione degli animali, stiamo sviluppando con successo anche strumenti di riconoscimento biometrico, con la tecnologia PhAID, che consente di sapere tutto su un animale semplicemente inquadrandolo con lo smartphone. Un vantaggio importante per l’allevatore, considerando che PhAID consente di accedere a tutti i dati sull’animale in pochi secondi.

L’allevatore diventa più forte e preparato nel relazionarsi con compratori, altri allevatori, istituzioni, consorzi caseari oppure della carne.

Il nostro obiettivo è rafforzare i meccanismi di sicurezza alimentare dalla fattoria, al macello, alle vostre tavole

Stiamo quindi sviluppando strumenti che consentono di indagare lo stato di salute dell’animale anche durante la macellazione

Grazie ad ADAL, un sistema automatizzato per l’acquisizione di immagini, che effettua analisi attraverso computer addestrati per riconoscere determinate lesioni e malattie, siamo in grado di stabilire la presenza di patologie nelle carcasse, stimare il rischio sanitario per l’allevamento e per gli animali ancora in vita ed infine suggerire misure correttive e preventive da adottare per evitare che il prodotto finale (carne o latte) non sia di qualità insufficiente per il mercato e quindi evitare che l’allevatore subisca ingenti perdite economiche

Anche questa tecnologia, seppure sofisticata, è di semplice applicazione ed utilizzo e garantisce un’accuratezza e una velocità mai sperimentate nel settore.

Sono le tecnologie più semplici e accessibili quelle che aiutano a migliorare la vita di tutti.

Attraverso l’applicazione di tecniche di allevamento sostenibili, che utilizzano i nostri strumenti di precisione per pianificare dettagliatamente ogni azione da effettuare in una fattoria, l’allevatore acquisisce maggior consapevolezza e controllo su come e dove intervenire, quanti e quali animali curare, come e con cosa formulare il mangime, risparmiando in termini di costi e risorse, evitando sprechi e ottimizzando i processi produttivi.

Ci rivolgiamo ai piccoli e medi allevatori, che con le loro mani hanno da sempre garantito qualità ed eccellenza, ed ora possono fare un passo avanti.  

Sono loro il primo anello della catena, quello che può e deve difendere e promuovere la sicurezza alimentare, in tutte le sue accezioni, nel mercato mondiale.

Riferimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu