Encroacher-bush-as-animal-feed-resources
folder_openAlimentazione, Ambiente e clima, Zootecnia

Mangime a base di cespugli

Estimated reading time: 8 minute(s)

INTRODUZIONE

Per decenni, i pascoli semi-aridi africani sono stati soggetti a degradazione, principalmente a causa di invasione dei cespugli, che si traduce nella riduzione delle erbe perenni palatabili. L’invasione dei cespugli è definita come “l’invasione e / o ispessimento delle specie legnose autoctone aggressive che determinano uno squilibrio dell’erba, definito come rapporto tra i cespugli, una diminuzione della biodiversità e una diminuzione della capacità di carico”. L’ispessimento dei cespugli di Acacia mellifera (spina nera) subspaccin è da tempo considerato un problema ambientale ed economico nei pascoli della Namibia e in altri paesi dell’Africa meridionale.

INVASIONE DEI CESPUGLI IN NAMIBIA

L’ispessimento di Bush ha colpito la Namibia su vasta scala, con stime di 45 milioni di ettari colpiti e con disturbi per molteplici ecosistemi e usi del suolo. Ogni anno si registrano fino a 1,5 milioni di dollari di perdite economiche agricole a causa dell’espansione dei cespugli dai pascoli su cui viene prodotto oltre il 65% della produzione agricola nazionale. L’ispessimento dei cespugli ha anche diminuito negativamente la biodiversità e la capacità di carico del pascolo con tutte le perdite economiche che esso comporta. Quindi, l’ispessimento dei cespugli rappresenta un grave rischio per la sicurezza degli alimenti per animali.

COME CONTRASTARE L’ISPESSIMENTO DEI CESPUGLI

La Namibia è, già da diverso tempo, impegnata a fermare l’ispessimento dei cespugli. Qui, gli interventi reattivi come i trattamenti chimici sono proibiti, mentre il controllo biologico (l’uso dei browser) e i controlli meccanici (taglio e abbattimento e sradicamento con i bulldozer) sono comuni nella lotta contro l’invasione dei cespugli. Tuttavia, nonostante gli interventi sopra menzionati, l’ispessimento dei cespugli rimane un problema, in parte causato dalla rapida ricrescita della maggior parte delle specie legnose.

La catena del valore in aggiunta alle differenti parti della biomassa dei cespugli ha recentemente guadagnato popolarità, perché non mira solo a ripagare il costoso indebolimento, ma sviluppa anche il mercato locale e crea prodotti di alto valore. Tra queste catene di valore, il mangime/alimentazione a base di cespugli ha acquisito un interesse speciale poiché ha un potenziale per migliorare l’alimentazione del bestiame e la sicurezza alimentare.

Mangime a base di cespugli: una soluzione per i pascoli che sono degradati dall’invasione di arbusti nativi in Namibia e in altri paesi dell’Africa meridionale.

Il mangime a base di cespugli si riferisce alla produzione di mangimi per animali in cui l’ingrediente principale è la biomassa del cespuglio. L’intervento sostiene che la riduzione dell’ispessimento dei cespugli a livelli ottimali attraverso la raccolta selettiva e l’utilizzo della biomassa raccolta può ripristinare i pascoli, rafforzare la resistenza alla siccità degli agricoltori, recuperare i costi investiti nel debellarli e migliorare la sicurezza dei mangimi.

GLI ALLEVATORI NAMIBIANI USANO I CESPUGLI PER CREARE MANGIMI PER ANIMALI

Attualmente un certo numero di agricoltori namibiani stanno già producendo mangimi a base di cespugli. La produzione di questi mangimi in Namibia ha anche dimostrato di essere una possibilità praticabile per gli agricoltori durante i periodi di siccità in quanto sono fonti di mangimi ricchi di proteine (il fatto che i cespugli rimangano verdi anche nella stagione secca postula la loro capacità di mantenere il loro contenuto di azoto, in sostanza il loro contenuto proteico). Possono, inoltre, essere usati come integratori durante tutto l’anno.

Tuttavia, nonostante siano fonti ricche di proteine, è necessario sottolineare che i mangimi per foraggio possono anche contenere fattori antinutrizionali o metaboliti secondari della pianta come i tannini che possono causare effetti imprevedibili sugli animali. Recensioni recenti in Namibia hanno anche evidenziato che gli agricoltori della Namibia utilizzano mangimi per encaratteri trattati con polietilenglicole (PEG), carbone attivo e cenere di legno come legante tannico, per evitare gli effetti negativi dei fattori antinutrizionali in particolare i tannini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu