Farm4Trade-Livestock foraging behavior and diet selection
folder_openAlimentazione, Allevamento, Zootecnia

Comportamento di foraggiamento del bestiame e selezione della dieta

Estimated reading time: 10 minute(s)

Il concetto in base al quale gli animali selezionano i mangimi disponibili, quelli che sono essenziali per soddisfare il loro fabbisogno di nutrienti corporei, è chiamato selezione della dieta. In termini generali, la selezione della dieta definisce quale vegetazione viene consumata dove, quando e in quale misura.

Queste procedure determinano sia la quantità che la qualità dell’assunzione di cibo e quindi lo stato nutrizionale dei singoli animali, i loro tempi e budget di attività, le loro condizioni fisiologiche, i tassi di crescita e i potenziali tassi di riproduzione e sopravvivenza.

Perchè gli animali selezionano la dieta

L’obiettivo principale di un animale è selezionare una dieta che soddisfi i suoi requisiti nutrizionali. Gli animali hanno la possibilità di scegliere tra una varietà di alimenti in offerta, mangimi che forniscono loro i nutrienti necessari per mantenere le loro funzioni biologiche di base.

Un altro obiettivo della selezione della dieta è che l’animale si senta sazio:

  • Il mangime selezionato dagli animali in cattività e quelli nei sistemi di produzione intensiva di animali è severamente limitato dal fatto che l’uomo fornisce loro una razione.
  • Nei sistemi di produzione animale ad ampio spettro, in cui gli animali sono autorizzati a foraggiare nella vegetazione naturale, la capacità di un animale di selezionare un mangime dalla varietà di piante in offerta diventa cruciale per il suo benessere.
  • Le piante tuttavia hanno sviluppato difese (fattori anti-nutrizionali) contro la defogliazione, mentre gli animali hanno a loro volta sviluppato strategie di foraggiamento per superare queste difese.

Fattori che influenzano la selezione della dieta per gli animali da foraggiamento

Fattori derivanti dagli animali

  • Tipo di specie e dimensione del corpo
  • Dimensione e forma della bocca
  • Caratteristiche morfo-fisiologiche
  • Stato fisiologico (stato animale)
  • Esperienze dietetiche
  • Interazione sociale / apprendimento

Fattori derivanti dalle piante

L’aspetto delle piante influenza le decisioni di foraggiamento degli animali, il periodo di tempo per pascolare, la selezione di un punto prima di spostarsi in un altro e l’ulteriore scelta di una nuova pianta. Esse vengono scelte in base a:

  • Disponibilità del foraggio: quantità e qualità, cioè la consistenza, le caratteristiche nutrizionali e le proprietà sensoriali.
  • Specie vegetali: palatabilità, tossicità (presenza di composti secondari), struttura di Sward, morfologia delle piante (spine, cuticola spessa, etc.) Fattori di Sward come altezza superficie erbosa, densità apparente, distribuzione di foglie e stelo all’interno della chioma.

Comportamento di foraggiamento

Il foraggiamento è una procedura di osservazione e alimentazione da parte degli animali.

Nei sistemi di pascolo, l’animale incontra problemi complessi, ad es. effetti climatici, tipo e stato del pascolo e competizione al pascolo con i coinquilini nel campo di pascolo / foraggio.

Gli animali reagiscono in primo luogo alle influenze ambientali cambiando il loro modello di attività in campo per evitare lo stress climatico. Inoltre, gli animali migliorano il loro approccio al foraggiamento mutando il loro comportamento alimentare per raggiungere il loro obbligo di nutrienti.

Per la persistenza dei concorrenti nello stesso pascolo, selezionano una nicchia di alimentazione in cui la concorrenza per il materiale alimentare potrebbe essere evitata e il fabbisogno di mangime può essere soddisfatto.

Fattori che influenzano il comportamento di foraggiamento e la selezione della dieta

Caratteristiche dell’ambiente

Le caratteristiche del paesaggio circostante che influenzano la distribuzione, il movimento e la selezione dietetica degli animali da pascolo includono:

  • Confini: recinzioni, home range, rotte migratorie.
  • Distribuzione di comunità vegetali: siti, terreni, aspetto, elevazione, struttura, composizione delle specie.
  • Accessibilità: calanchi, pendenza, ruscelli, densità arbustiva, rocciosità, strade, sentieri, linee di recinzione, aperture.
  • Distribuzione di elementi importanti: luoghi ombreggiati, inattivi e consolatori, posizione degli stagni d’acqua e altri punti convergenti e divergenti in un paesaggio.

Bisogni fisiologici degli animali

I bisogni biologici degli animali che determinano la distribuzione e il movimento attraverso il paesaggio includono, in ordine di importanza per l’animale:

  1. La sete: è il bisogno fisiologico più influente che determina il movimento e la distribuzione degli animali attraverso il paesaggio.
  2. Caldo / freddo: bilancio termico.
  3. La fame.
  4. Orientamento e prevenzione dei predatori: l’animale sceglierà una posizione nel paesaggio in cui si sente al sicuro da predatori o altre minacce.
  5. Riposo: durante la raccolta la maggior parte degli animali si sposta in aree inutilizzate o consolatrici per ruminare e digerire il cibo. La distanza percorsa durante il pascolo varia in funzione della loro capacità digestiva, del potenziale tasso di raccolta di foraggi incontrati, della velocità di pascolo e del livello di fame.

Conclusione

La consapevolezza delle ragioni che spingono gli animali a selezionare un alimento e non l’altro è necessaria per la comprensione dei loro bisogni di foraggiamento ed è la base per comprendere le possibili interazioni competitive tra di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu