3 mitigation strategies on livestock theft - Blog Farm4Trade
folder_openAllevamento, Zootecnia

3 modi per limitare i furti di bestiame

Estimated reading time: 8 minute(s)

I furti di bestiame provocano agli allevatori un forte dispiacere a causa dei beni che vengono sottratti. In questo articolo parliamo di come è possibile ridurre questo fenomeno.

I ladri di bestiame, in particolare di bovini, sono molto pratici e con esperienza. Riescono a portare a compimento i colpi senza che gli allevatori se ne accorgano.

I ladri utilizzato ogni tipo di metodo per nascondersi e passare inosservati. Per esempio, usano armi silenziate per uccidere rapidamente gli animali e li caricano su un mezzo per portarli nella città più vicina. Quindi la carne viene venduta e l’allevatore, se è fortunato, troverà soltanto gli zoccoli e la testa nel recinto il giorno dopo. 

In genere in ogni regione si formano gruppi sindacali di allevatori che si uniscono per supportarsi reciprocamente nella lotta ai ladri.

Cosa può fare un allevatore per evitare i furti di bestiame?

  1. Deve rivolgersi immediatamente alla polizia, anche nel semplice caso si sospetti della presenza di ladri nella propria area. 
  2. Avvisare gli allevatori vicini di stare allerta. 

Ecco alcuni provvedimenti da prendere per non farsi trovare impreparati. 

Identificare gli animali

Utilizzare i marchi auricolari è tratta un metodo tradizionale e ancora molto utilizzato per molte specie di bestiame, dai bovini agli ovini e caprini. I marchi consentono di attribuire ad ogni animale un numero identificativo proprio, che ne rende facile l’identificazione. I marchi sono disponibili in colori diversi e l’allevatore può scegliere il tipo che preferisce.

Un’altra pratica ancora molto adottata è marchiare gli animali. Devono essere utilizzati attrezzi specifici per identificare una data mandria anche con marchi personalizzati, e deve essere coinvolto un veterinario per svolgere la marchiatura in sicurezza. Di solito il marchio viene apposto sul quarto posteriore dell’animale. 

Un altro tipo di marchiatura è quella a freddo, che è più costosa perché viene fatta con l’azoto liquido. In genere viene utilizzata nelle fattorie commerciali.

Meno frequentemente anche i Microchips vengono utilizzati come mezzi per identificare gli animali. I microchip si posizionano sotto la pelle dell’animale e utilizzano radiofrequenze per essere letti da appositi rilevatori e consentire l’identificazione dell’animale. Si tratta di una tecnologia molto avanzata e piuttosto costosa, ma molto semplice da utilizzare.

Infine, come possibilità futura, gli allevatori saranno in grado di identificare il bestiame attraverso strumenti di riconoscimento biometrico, semplicemente inquadrando l’animale e scattando una foto con il proprio smartphone. Questo vale soltanto se sono abbastanza fortunati da ritrovarlo intatto dopo il furto! Una tecnologia del genere potrebbe essere adottata anche dalle forze dell’ordine per fornire agli agenti un metodo per identificare gli animali segnalati. 

Utilizzare la tecnologia

L’utilizzo del GPS per rilevare da remoto la posizione degli animali è un altro strumento utilizzato, che si avvale di tecnologie satellitari. Si tratta di uno strumento molto utile perché consente all’allevatore di controllare gli spostamenti degli animali da qualsiasi posizione.  

Definire i confini della fattoria 

Recintare la fattoria è vitale per controllare i furti in allevamento, principalmente con l’uso di staccionate o muri di mattoni. In questo modo l’allevatore ha un maggiore controllo sul bestiame che si trova nei rispettivi appezzamenti. Inoltre bisogna fare attenzione ai cancelli e ricordarsi sempre di chiuderli a dovere, cosa che non sempre accade, esponendo gli animali al rischio di furti. 

I consigli che abbiamo elencato finora ci forniscono un’idea di come attrezzarsi per contrastare i furti in fattoria. Se nella vostra fattoria i furti sono ricorrenti significa che le strutture di protezione non sono adeguate. Resta sempre di fondamentale importanza riportare qualsiasi attività illecita rilevata alle forze dell’ordine e consultarsi con gli altri allevatori. 

Come sempre, prendersi cura del vostro bestiame fa parte delle buone pratiche di allevamento

Conclusione

In conclusione, il furto di bestiame è una preoccupazione molto seria per gli allevatori. Abbiamo trattato le principali strategie per mitigare il rischio e assicurare il successo dell’allevamento. 

Riferimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu